Sei qui:

Sila: distanza da cariati 120 km


Il Parco Nazionale: incanto e natura

Paesaggi mozzafiato, ambienti incontaminati ed un patrimonio di biodiversità unico. E’ l’area del Parco Nazionale della Sila che si estende per oltre 73 mila ettari, interessando 21 comuni all’interno delle 3 province di Cosenza, Catanzaro e Crotone. Il parco è diviso in due territori, la Sila Grande e la Sila Piccola. La prima è caratterizzata dalla presenza di estese foreste di pino laricio tra i 1400 e i 1700 metri di altitudine e, più in basso da faggeti e castagneti. La Sila Piccola è, invece, ricoperta da abeti bianchi e faggi. La fauna silana è caratterizzata dalla presenza di lupi (che “sono cattivo solo nelle favole” recitano i cartelli), scoiattoli, lontre, caprioli, cinghiali, poiane e picchi neri mentre la flora annovera piante secolari e monumentali come i pini e gli aceri chiamati “i Giganti del Fallistro” e specie floreali come ginestre, primule ed orchidee sambucine. Escursioni a piedi e in mountain bike, orienteering, vela, torrentismo, canyoning, tiro con l’arco, bio e birdwatching sono gli sport da praticare a queste latitudini dove, secondo gli studi scientifici condotti da esperti mondiali in nanopatologie si respira l’aria più pulita d’Europa.

La caratteristica di questo altopiano è da ricercare nel suo posizionamento geografico: la Sila infatti si estende nella parte centrale della Calabria e, facendo da spartiacque tra il mar Tirreno ed il mar Jonio, benefica degli effluvi d’aria salso - iodata dei due mari, che si amalgamano con il profumo delle resine delle conifere; ne risulta una salubrità d’aria unica al mondo tanto che, intorno agli anni 20 del secolo scorso, Greta Garbo vi dimorò un’intera estate per curarsi da una forma di sofferenza respiratoria, su consiglio dei suoi medici curanti d’oltre atlantico. Nell’Eneide di Virgilio la Sila viene esaltata per aver fornito il miglior tipo di pino, la cui struttura resinosa era la più adatta per il fasciame delle navi romane, perché risultava inattaccabile dalla salsedine marina.

Camigliatello e la sua sagra dei funghi

Camigliatello è la località turistica più nota dell’altopiano silano, è un centro sciistico rilevante e un punto di partenza ideale per escursioni di tipo naturalistico e sportivo. La sagra dei funghi che vi si svolge in ottobre ricorda la grande abbondanza di questi gustosi tesori dei boschi: porcini, ovuli e rositi sono venduti freschi, secchi oppure sott’olio, arricchiti dall’immancabile polvere rossa di peperoncino. Da Camigliatello sono tante le possibilità di fare passeggiate. Il lago Cecita a nord-ovest, alimentato dall’omonimo fiume riempie in realtà una depressione già occupata da un bacino naturale nel Quaternario. A Croce di Magara è possibile ammirare i Giganti di Fallistro meravigliosi e mastodontici pini larici e aceri montani piantati nella prima metà del XVII secolo. Un sentiero obbligato ed una guida specializzata permettono di godere pienamente della visita.
A sud di Camigliatello il lago Arvo, creato con una diga nel 1931. Si estende per circa 6 Km sotto il versante meridionale di Monte Botte Donato, dotato di impianti di risalita e campi da sci di fondo. Sul lago Cecita in località Cupone (nel comune di Spezzano della Sila) ed a Taverna in località Monaco ci sono due centri visita molto ben organizzati. I Centri Visita sono Musei Verdi al cui interno sono presenti: eliporti, sale congressi, musei tematici, centri per l’educazione naturalistica, forestale, ambientale, biblioteche, teatri verdi, aule verdi, vivai della biodiversità silana, giardini della cultura forestale, sentieri tematici, villaggi dell’antica Sila, centri per l’ambientamento e la diffusione del lupo, del cervo, del capriolo, del gufo reale, centri dimostrativi e didattici per daini. A Zagarise c’è Orme nel Parco, il più grande Parco Avventura del sud Italia, un parco acrobatico sospeso tra gli alberi ed immerso in uno splendido bosco di faggi, nel cuore della Sila Piccola dove l'equilibrio, lo spirito d'avventura, la voglia di mettersi in gioco, la coordinazione e in parte anche la forza sono gli elementi indispensabili per vincere la sfida.

oppure contattaci compilando questo form

Cliccando sul pulsante "Accetta e invia" si acconsente al trattamento dei dati secondo quanto dichiarato nella Privacy Policy (GDPR)
Autorizzazione trattamento dati (GDPR)